Dott.ssa Glenda Marafante

Training Autogeno individuale o di gruppo

children-around-the-world-16

“Ho scoperto il segreto del mare,

meditando su una goccia di rugiada” 

Kahlil Gibran

 

 

 

 

TRAINING AUTOGENO DI SCHULTZ

Il metodo del training autogeno porta la persona

“a un’intensa immedesimazione sensoriale”

nella propria corporietà

(J. H. Schultz)

Il training autogeno è una tecnica di rilassamento psicofisico ideata e sviluppata dal neurologo Berlinese,  Dott. J.H. Schultz il cui metodo consiste nel fare esperienza e nell’apprendere un nuovo modo di ascoltare le sensazioni che provengono dal nostro corpo ed entrare così in uno stato di distensione totale.

Risulta essere una tecnica particolarmente indicata in ambito clinico nel controllo dello stress, nella gestione delle emozioni e nelle patologie su base psicosomatica. Tale tecnica è oramai molto diffusa tanto che se ne avvalgono sia le persone che hanno necessità di riequilibrare funzioni alterate, sua le persone “sane” con l’ obiettivo di migliorare la propria qualità di vita.

Per cosa è indicato il training autogeno?

 

  • Come pratica quotidiana per raggiungere benessere psicofisico, indicato e consigliato anche a donne in gravidanza.
  • Nei casi di stress lavoro-correlato
  • Per il controllo dell’ansia
  • Nei disturbi psicosomatici come ipertensione, cefalea, fibromialgia, ecc.
  • Per i pazienti oncologici in quanto aiuta a migliorare l’umore, a diminuire il senso di stanchezza e a ridurre lo stress e l’ansia legati agli esami radiologici e alle terapie.

 

In cosa consiste ?

 

Il training autogeno prevede circa 12 incontri a cadenza settimanale con la durata di 40 minuti circa. E’ richiesto impegno ed una buona motivazione poichè sono previsti alcuni esercizi da svolgere sia durante le sedute che a casa.

distensione-immaginativa

collaborazioni

www.noi-oncologia-integrata.it

www.elenadiblasio.it